The Soft Pack – The Soft Pack (Kemado Records)

I Feelies erano gli R.E.M. nerd. Gli Strokes? I Feelies fighetti.
I Soft Pack stanno un po’ da una parte e un po’ dall’altra. Come l’UDC. Ma meglio


Let’s Wrestle – In the Court of the Wrestling Lets (Stolen Recordings)

Chiunque sceglie di copiare i Dinosaur JR, piuttosto che i Pavement, è mio amico.
Essi lo sono.


ATP’09 – Curated by The Breeders (Atp-Butlins Holiday Centre, Minehead)

Shellac davanti e dietro tutti quanti (Yann Tiersen, Dianogah, Deerhunter,Th’Faith Healers, Giant Sand, Melt Banana, Wire, Bon Iver e Bronx senza mariachi).


Cani Sciorrì – Parte IV (Escape From Today)

HC italiota de noartri, Refused, Helmet e adrenalina a mille. Rock’n’groove che colpisce palle, cuore e sorrisi. Botta coi controcazzi.


Kanye West – 808’s & Heartbreak

Dio Kanye!


Jay Reatard – Singles 08 (Matador)

Rockerolla! Basta la parola.


The Black Angels – Directions to See a Ghost (Light in the Attic)

Droga dell’anno.


The War On Drugs – Wagonweel Blues (Secretly Canadian)

Una E Street Band con la tendenza a buttare tutto in caciara ed un songwriter che non è Bruce Springsteen, ma va bene lo stesso. Sorpresona.


The Baseball Project – Frozen Ropes and Diyng Quails (Yep Rock)

Forse Alex Rodriguez si scopa Madonna. Wynn-McCoughey-Buck-Pitmon si scopano tutti. Disco per l’estate 2008 (in un mondo onesto).


Oxford Collapse – Bit Happens (Sub Pop)

Gente cresciuta a suon di Pixies, Husker Du e Swell Maps che fa musica in grado di salvare dal lato oscuro ragazzini cresciuti a Franz Ferdinand, Interpol e Arctic Monkeys. Promossi.


Ron Franklin-Ron Franklin (Alive Natural Sound)

Rock-blues sincero adatto a chi si accontenta senza voler godere.


D+ (Bret Lunsford + Phil Elverum + Karl Bau) – On Purpose (Knw-Yr-Own)

Mentre voi continuate a stirarvi le frangette, noi ci ascoltiamo questa roba. Voi scopate sicuramente di più, ma siete messi peggio.


Eli Paperboy Reed & The True Loves-Roll With You (Q Division)

Pare sia la rinascita del soul. RockAndRoll nero ammiccante al gospel. Anche se lui è bianco.


ATP ’08-Curated By Explosions In The Sky (Atp-Plantation Quay)

EITS campioni, Polvo vincono, Trail Of Dead distruggono. David Berman E’.Phosphorescent ed Eluvium pure.C’era Kekko e sappiamo i nomi del Crete Goat Festival.


Ministri – Fari spenti (Black Out / Universal)

Se Ne Scrivo il giorno che giura *questo* governo ci sarà un perché. Si parla tanto di loro e poco di Birmania: la grande truffa dell’hype milanoide. Sgraziati.


Black Keys – Attack & Release (Cooperative Music)

Dai campi di cotone alle feste vip del Fuorisalone (grazie a Danger Mouse). E’ l’evoluzione del blues, baby. E nonostante tutto, ci piace.


Mojomatics – Don’t Pretend That You Know Me (Ghost)

Replacements, Buzzcocks, Coral, Violent Femmes… Fanno stare bene. Occupano lo stereo se mai vi venisse voglia di ascoltare roba tipo “Don Calogero e la cicuta”. Qui


Brian Jonestown Massacre – My Bloody Undreground (Tee Pee Records)

Il vertice di questo disco sono i due pezzi di solo pianoforte. Uno stupro. Quindici anni di mal di testa psichedelico.


Elf Power-In A Cave (Ryko)

Perso certo clamore, agli Elf Power resta la dignità psych-folk-rock-bubblegum sempre avuta. In giro c’è di peggio (e anche molto di meglio ovviamente).


The Kills – Midnight Boom (Domino)

In questo disco c’è un pezzo electro – clash. Nel 2008. Ho detto tutto, no?


Disfear – Live The Storm (Relapse)

Ennesimo tentativo Nu-Motorhead (tipo Genocide Superstars) e ennesimo gruppo della domenica di Tomas Lindberg. Non potrei dire di essere, ehm, scioccato.


The Dirtbombs – We Have You Surrounded (In the Red)

Tra i pochi a poter permettersi di cagare sulla testa del mondo.


Follow

Get every new post delivered to your Inbox.